Genuflessione

In quanti modi la nostra società ha imparato  ad inginocchiarsi?

ritagliata-ret-piccolo-gen.jpg
27x45x10cm  resina

IMG-2349

IMG-2701

TIMBRI INSIEME

ritagliata-ret-grande-gen-ritoc-e15037344866001.jpg

Rettangolo grande timbri

cof

0e272717-9067-4169-84fc-1f09297c4c90IMG_E8738

IMG-8131bollettini                                                                 

Ci si inginocchia per pregare, per chiedere una supplica, si inginocchia per prendere tempo o  per uccidere.

Inginocchiarsi nel mondo ha preso una valenza quasi sociale è come un rito d’iniziazione che, moralmente o fisicamente, ogni individuo nella vita è stato costretto  a fare.

Ma perché le ginocchia sono il centro di questo dialogo sociale? Lo scopo dell’istallazione “Genuflessione” è quello di indagare come, nei tempi e nelle varie culture, il corpo si è dovuto muovere per appartenere ad una struttura sociale.

“Genuflessione” Una serie di sculture in vetro resina dorate e argilla bianca coprono una lunghezza lineare di 9m e rappresentano le forme di genuflessione / prostrazione più comune. Il rappresentare queste prime forme di genuflessione in scultura ha il chiaro intento di veicolare il fruitore al valore stesso che la scultura  occupa nei contesti di regime. l’istallazione prosegue presentando i movimenti che il corpo assume, inginocchiandosi, nei rituali religiosi. questi movimenti sono riportati su  sigilli in cera lacca  e   timbri matrice.

“Genuflessione” prosegue con un azione urbana “Primo incontro”  iniziata alla posta centrale di Napoli.

100 bollettini postali riportati sul retro il timbro della Genuflessione ebraica, sono stati donati di nascosto.

l’azione è continuata coinvolgendo scrittori, giornalisti, persone che nel tempo hanno partecipato all’evoluzione di “Genuflessione”. Gli scrittori coinvolti nell’azione hanno scritto  un pensiero su questo gesto e con queste riflessioni si continuano a marcare i bollettini postali, che posizionati di nascosto vengono usati  in diverse poste Italiane.

questa parte dell’azione è ancora in itinere.

Le azioni di marcare il quotidiano, come bollettini postali, vaglia o tutti quegli oggetti legati ai soldi, hanno l’intento di promuovere il dono come forma artistica e porre l’attenzione sulla perdita dell’individualità. Un bollettino postale generalmente viene conservato, così anche  i pensieri e i disegni riportati sul suo retro, verranno custoditi. Chi inconsapevolmente pagherà le sue utenze con uno di questi bollettini, custodirà un azione artistica, diventando un collezionista d’arte inconsapevole.Il timbro, come la scultura, contiene in se una valenza sociale ed è proprio questo aspetto che “Genuflessione” vuole individuare e rappresentare.